diario – Torino – New York solo andata…

“Un po’ vecchiotta, provinciale, fresca

tuttavia d’un tal garbo parigino,

in te ritrovo me stesso bambino,

ritrovo la mia grazia fanciullesca

e mi sei cara come la fantesca

che m’ha veduto nascere, o Torino!”

Chi ha la fortuna, come me, di essere nato in una città come Torino, può comprendere che non la si può lasciare a cuor leggero. Torino è un po’ come una di quelle madri che cercano di tenerti vicino per tutta la vita e che a fatica capiscono quando è il momento di lasciarti andare. Torino è come la madre della quale ci lamentiamo sempre ma che ci manca non appena smette di torturarci con compulsive telefonate.

Non sempre è nella separazione che si sente e si capisce la forza con cui si ama una persona, un luogo. Torino io l’ho sempre amata incondizionatamente, forse ho anche avuto la fortuna di viverla nei momenti del cambiamento , in  quegli anni nei quali per apprezzarla veramente non bastava viverla da turista . L’ ho amata quando con la forza di un gigante si è scrollata il vestito provincialotto, un po’ bigotto e ha indossato un abito da red carpet presentandosi al mondo da gran signora per le olimpiadi invernali del 2006.

Da quel momento in avanti nessuno l’ha più fermata, un susseguirsi di cambiamenti, crescita e orgoglio per noi Torinesi.

come la maggior parte delle persone, io credevo che la mia vita si sarebbe svolta a grandi linee nella città nella quale sono nata , con qualche variazione temporanea sul tema ma senza dovermi trovare con un biglietto di ( quasi ) sola andata per la grande mela.

Premetto che se mi avessero domandato qualche anno fa di nominare una sola città nella quale mi avrebbe fatto piacere vivere per un po’ , ecco …io avrei detto proprio solo ed esclusivamente NEW YORK. Morbosamente attratta dalla vita frenetica di una città ricca di arte, innovazione , taxi gialli e interscambi culturali. Negli anni sono comunque riuscita a visitarla ma con una permanenza che non è mai andata oltre i 15 giorni, e già il desiderio di conoscerla meglio e di farla entrare sotto la mia pelle iniziava a farsi strada ma quante volte vediamo realizzati i nostri sogni ?

Poi la vita prende le decisioni per te, come un uragano arrivano i cambiamenti, il destino fa carte false per disorientarti , ti trovi davanti alla ragione e alla passione e per una volta nella vita, per la prima volta dai retta al tuo cuore e ti ritrovi con le valige in mano davanti al check in rispondendo alla hostess con il suo bel cappellino color nocciola e il suo rossetto luccicante  ” solo andata …”.

E i tuoi occhi brillano.

IMG_0545

Uncategorized

9 Comments Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: